Cerca lo Psicologo
 Dr.ssa Claudia Ricco

Dr.ssa Claudia Ricco

Corso Belgio, 65/B - 10153 TORINO (Torino)

Cel: 3384836210

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dott.ssa Silvia Parisi

Dott.ssa Silvia Parisi

Via Francesco Gonin, 27 - 10137 TORINO (Torino)

Cel: 340 3799977

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

 Dr. Sergio Chieregato

Dr. Sergio Chieregato

Via Massena, 77/b - 10128 TORINO (Torino)

Cel: 3356343021

Via Tenivelli, 10 - 10143 TORINO (Torino)

Cel: 3356343021

Il Dr. Chieregato, opera a Torino come psicologo e psicoterapeuta, mettendosi a disposizione di coloro che intendono avere un'opportunita' di crescita, sviluppando una maggiore consapevolezza del proprio Io, del modo di essere e di agire, in uno spazio discreto e protetto dal segreto professionale.

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Psicologo Torino - Pillole di Psicologia

L'ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Desorder) ovvero deficit dell'attenzione ed iperattività è un disturbo dell'età evolutiva che, come si intuisce già dal nome, risulta caratterizzato da instabilità, impulsività ed iperattività. le problematiche comportamentali ostacolano lo sviluppo psicologico del bambino pregiudicando l'adattamento ai normali contesti di vita (scuola, famiglia) e l'integrazione nel gruppo dei pari.

Nella maggior parte dei casi questo disturbo si associa ad altre problematiche quali il disturbo oppositivo-provocatorio, i disturbi specifici dell'apprendimento (ad esempio dislessia , disgrafia etc.); meno frequentemente si riscontra una comorbidità con la depressione e i disturbi d'ansia.

Oltre a ciò, il bambino affetto da ADHD può presentare disturbi del rendimento scolastico con conseguente disagio emotivo, maggiore possibilità di riportare traumi fisici e la tendenza a sviluppare comportamenti antisociali e dipendenza da droghe.

Più diffusa nei maschi (rapporto 3:1) e con un'incidenza del 6-7% nella popolazione dei soggetti sotto i 18 anni, l'ADHD può permanere anche in età adulta ma in percentuale ridotta. Le cause sono ancora dibattute ma sta sempre più affermandosi l'ipotesi genetica. Tra i fattori di rischio l'uso di alcool e di droghe durante la gravidanza (con conseguente diminuzione della produzione di neurotrasmettitori), l'esposizione a tossine ambientali (come il piombo contenuto nelle vernici e nei tubi presenti nelle costruzioni vecchie) e gli additivi alimentari. Sospetto ma ancora non suffragata da evidenze la responsabilità dello zucchero.

Suggerimenti

psicologia-infantile.it
Sito completamente dedicato alla Psicologia Infantile, dall'educazione e assistenza ai traumi dell'infanzia.

www.iltrainingautogeno.it
Visita il sito: iltrainingautogeno.it , e raccogli maggiori informazioni sulla tecnica di rilassamento di tipo psicofisico utilizzato dagli specialisti nella cura dell'ansia.

Se visiti il sito dell'Ordine degli Psicologi del Piemonte:opl.it, ti accorgi subito di quanti Psicologi e Psicoterapeuti ci siano nella città di Milano, ma non sai magari quale scegliere tra di Loro, perchè mancano delle schede tecniche per ogni professionista.
Se invece visiti questo sito: psicologi-lombardia.it, hai subito la possibilità di vedere una scheda tecnica e dettagliata per ogni Dottore presente, la ricerca è dunque molto facilitata ed è molto facile trovare in questo modo uno Psicologo che risponda maggiormente alle nostre esigenze.

lapsicosi.it
Sito, tematico sulla Psicosi, cos'è, perchè si manifesta e come curarla.

La Diagnosi di ADHD

Per quanto riguarda la diagnosi di ADHD dove domina il deficit dell'attenzione va sottolineato il fatto che devono essere presenti almeno 6 tra i sintomi elencati di seguito:

  • difficoltà di concentrazione sul compito
  • incapacità a seguire istruzioni
  • atteggiamento distratto
  • continua perdita di materiale scolastico e oggetti personali
  • disorganizzazione
  • difficoltà di pianificazione
  • scarsa memoria
  • facile distraibilità
  • superficialità

mentre invece nella forma dove prevale l'impulsività/iperattività devono essere riscontrati 6 tra i sintomi seguenti:

  • irrequietezza
  • instabilità motoria
  • preferenza verso attività dinamiche
  • impossibilità a restare seduto
  • logorrea
  • tendenza a interrompere
  • tendenza a rispondere impulsivamente
  • ipercinesi
  • difficoltà a rispettare il turno.

Una nota importante: per indirizzare la diagnosi verso l'ADHD è necessario che i segni indicati sopra siano stati osservati da almeno 6 mesi. L'intervento terapeutico comprende sia trattamenti riabilitativi come la neuropsicomotricità e la psicoterapia, che la somministrazione di farmaci (ancora controversa).

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!